|
  • Commenti disabilitati su Un paradiso a portata di mano.
  • Comments
|

Un paradiso a portata di mano.

La Repubblica Dominicana attira l’attenzione di molti investitori immobiliari americani. Ha sempre attratto turisti stranieri e investitori europei, grazie alle sue miglia e miglia di spiagge di sabbia soffice. I francesi in particolare, si sono trasferiti e investono nella Repubblica Dominicana da generazioni e sono in incremento le comunità tedesca, russa e italiana.

Negli ultimi anni l’economia della Repubblica Dominicana è stata quella con la più rapida crescita nelle Americhe. Cresce dal 6% al 7% all’anno dal 2014 al 2016 e del 4,8% nel 2017. L’ulteriore crescita per il 2018 è prevista al 4,5%.

Gran parte dell’espansione che il paese ha attraversato è dovuta ai milioni di dollari portati dai turisti nordamericani ed europei che affollano questa splendida isola.

Accanto alla crescita economica, il presidente del paese, Danilo Medina, rieletto per la seconda volta nel 2016, ha fatto riemergere la priorità dell’istruzione, sponsorizzando programmi di alfabetizzazione e formazione professionale per adulti e costruendo 2.500 nuove scuole.

Le infrastrutture del paese stanno migliorando notevolmente. Strade e marciapiedi sono in costruzione, i cavi delle nuove utenze sono interrati e nuove autostrade collegano la maggior parte dell’isola con le aree dei resort e delle spiaggie. Non meno importante è la sanità, con strutture ed operatori di livello internazionale.

Più voli dagli Stati Uniti e dall’Europa rendono l’isola più accessibile agli stranieri (l’aeroporto di Punta Cana è il più trafficato di tutta l’america centrale; la linea di crociera Carnival porta una nave al giorno a Santo Domingo e, nel nord, a Puerto Plata. Anche il numero di hotel intercontinentali è aumentato, per poterli accogliere tutti; Inclusi un JW Marriott e un Embassy Suites by Hilton, un Hard Rock Hotel e un Intercontinental).

La RD riceve circa 6 milioni di turisti all’anno, posizionandosi al terzo posto dell’intera america latina per numero di visitanti, dietro solo a giganti come Messico e Brasile; circa il 50% di questi proviene dal Nord America. Il Paese sta cercando, inoltre, di attirare più turisti cinesi anche migliorando le relazioni commerciali col gigante asiatico. L’obiettivo è di raggiungere i 10 milioni di turisti nel giro di sei, sette anni. Tutti questi dati sono un reale incentivo per chi voglia realizzare un investimento immobiliare nella Repubblica Dominicana!

Oltre al turismo, un plus per l’economia della Repubblica Dominicana è rappresentato dall’export di prodotti dell’agricoltura (banane, caffè e cacao) e dell’industria mineraria.